In India la ventilazione per strada serve a ridurre lo smogCi saranno sistemi di ventilazione e purificatori d’aria per le strade congestionate dal traffico delle metropoli indiane. La Green Court, il tribunale ambientale dell’India, ha di recente ordinato sia la sostituzione di tutti i veicoli con un’anzianità superiore ai quindici anni che l’installazione nei luoghi pubblici di dispositivi per migliorare la qualità dell’aria, come quelli di aerazione forzata.

Eravamo abituati a pensare alla ventilazione meccanica come una tecnologia per migliorare la qualità dell’aria tra le quattro mura di casa ma la drammatica situazione dello smog in India ha obbligato le autorità a non escludere nessuna soluzione, compresa quella di ricorrere alle tecnologie di ventilazione. I nuovi dispositivi saranno collocati vicino a scuole, ospedali e altre aree molto frequentate.

Secondo uno studio dell’Organizzazione Mondiale della Sanità su 1.600 città in tutto in tutto il mondo, Nuova Delhi è l’area urbana con l’aria peggiore. I quotidiani indiani raccontano spesso di persone che hanno paura ad uscire di casa per il rischio di contrarre asma o altre malattie respiratorie a causa dei gas sospesi nell’atmosfera.

Il decreto della Green Court indiana è solo l’ultimo di una serie di politiche ambientali già messe in campo negli anni passati, come il rinnovo di tutti i mezzi pubblici a diesel o il trasferimento delle industrie fuori dalle città. Una serie di interventi che finora non si sono rivelati efficaci per disinnescare l’emergenza smog in India.