Ricambiare l'aria interna

Vivere e respirare in ambienti salubri è un’esigenza imprescindibile per salvaguardare la nostra salute, sempre più minacciata da elementi inquinanti pericolosi, spesso non percepibili.

Ecco perché è vitale rinnovare l'aria interna.
Però con aria pulita.


Ricambiare l'aria: fai entrare la salute in casa tua

Anche gli edifici si “ammalano”, se non adeguatamente ventilati.
Una delle definizioni del fenomeno coniate dagli studiosi è sindrome dell'edificio malato (sick building syndrome).
Se si ammala l’edificio, si ammalano anche i suoi abitanti.
Il vero problema è che non sempre ci rendiamo conto dei pericoli che corriamo.

Molte sostanze inquinanti non sono percepibili, mentre altre sono comunemente considerate confortevoli (profumi per ambienti), piacevoli (candele profumate) o igienizzanti (prodotti per la pulizia).

Sostanze pericolose e non percepibili sono il Radon ed il monossido di carbonio: se si sente odore di "aria viziata" entrando in un ufficio con molte persone o in un'aula scolastica durante le lezioni, significa che sono state sfondate le soglie di tolleranza degli inquinanti.

Ricambiare l'aria per la salute in casa tua

Chi già si trova in quell'ambiente non lo avverte perché si è "adattato": stiamo parlando di inquinamento dell'aria domestica, una questione tutt’altro che trascurabile.

Anche gli acari della polvere non sono percepibili e visibili, ma la loro presenza costituisce un bel problema per chi ne è allergico.
Le spore di muffa sono particolarmente nocive e spesso causa di asma o malattie respiratorie più gravi.
Mentre siamo noi stessi, con il nostro metabolismo e con le nostre normali attività a produrre umidità.
Insieme ai nostri animali domestici.

Agli inquinanti cosiddetti "igienizzanti" appartengono invece sostanze contenute nei prodotti per la pulizia della casa che attengono alla categoria dei composti chimici.

Inoltre molti edifici arredati sono "contaminati" dalla formaldeide, sostanza cancerogena rilasciata da pavimenti, mobili e oggetti di arredamento.

Facciamo 24.000 respiri al giorno,
ci meritiamo un'aria migliore

L’inquinamento indoor è responsabile del 2,7% del carico globale di malattia (Global Health Risks: Mortality and burden of disease attributable to selected major risks WHO, 2009) e del 7,6% di decessi (Global Health Observatory, 2016) nel mondo.

Fai la cosa giusta:
ricambia l'aria con la ventilazione meccanica controllata

Normative

ISO 17772-1:2017

Qualità dell'Ambiente Interno negli Edifici

Secondo la normativa vigente, i parametri di ventilazione minima degli ambienti interni di qualità sono stabiliti in 14,4 m3/h per persona.

Rinnovare l'aria con finestre aperte

Finestre aperte

  • Troppo freddo d'inverno
  • Troppo caldo d'estate
  • Correnti d'aria
  • Rumori esterni (traffico)
  • Possibili intrusioni
  • Nessuna filtrazione dell'aria in entrata
Rinnovare l'aria con finestre chiuse

Finestre chiuse

  • Edificio sigillato
  • Nessun ricambio d'aria
  • Sindrome dell'edificio malato
  • Alto rischio di muffe
  • Stagnazione cattivi odori
  • Accumulo di inquinanti all'interno

Come ricambiare l'aria negli ambienti confinati

Thesan Aircare

L'inquinamento fuori controllo è un drammatico problema che impatta sulla salute sociale.
Se ridurlo a livello globale risulta complesso, lo si può affrontare efficacemente in casa propria con adeguati sistemi di ventilazione, capaci di:

  • cambiare, filtrare e depurare l'aria con bassi consumi energetici
  • mantenere gli inquinanti indoor a livelli di concentrazione innocue sia per gli esseri umani che per gli animali domestici

L'aria più inquinata e pericolosa è quella di casa.
Aircare la filtra, la depura e te la restituisce “pronta da respirare”.

  • Aircare AF
  • Aircare ES
  • Aircare AE
Ricambiare l'aria senza avere infiltrazioni di acqua

“E in caso di piogge forti?”

L’aria esterna entra nel tuo Aircare dalle bocchette esterne.
A protezione dell’ambiente interno, le bocchette esterne sono dotate di portelle che si chiudono automaticamente quando la pressione esterna supera certe soglie (circa 300 Pa che corrispondono a una velocità del vento di circa 70 km/h), in modo da impedire che entri pioggia dall’esterno.
A pressioni inferiori del vento non si rilevano infiltrazioni di acqua dall’esterno.
Ricambiare l'aria di casa con diversa umidità e temperatura

“E se in casa aumenta il livello di umidità, magari in presenza di panni stesi ad asciugare?

Aircare ES dispone di due sensori che rilevano il grado di umidità e di temperatura.
È consigliabile tenere Aircare in Modalità Automatica: l’apparecchio si autoregola e gestisce autonomamente le variazioni di umidità, così come qualsiasi altra situazione climatica.
Quanto consuma un sistema di vmc per ricambiare l'aria di casa

“Quante ore deve girare?”

Sempre. I sistemi di ventilazione meccanica controllata (VMC) nascono per:
  • assicurare il corretto ricambio dell’aria negli ambienti che abitiamo (case, uffici ecc.)
  • funzionare 24 ore al giorno, 7 giorni su 7

“Come la mettiamo con i consumi?”

Grazie al loro basso consumo energetico, non si rischiano sorprese in bolletta; basti pensare che, tenuto in funzione continuativamente, Aircare consuma quanto un caffè al mese!